Blog

Gestione del credito e Augmented Analytics: come prendere decisioni predittive

Gestione del credito e Augmented Analytics: come prendere decisioni predittive

pubblicato il: 7 luglio 2021

Digitalizzare i processi di gestione del credito è un passo fondamentale per incrementare efficacia ed efficienza del business, guidandolo nella creazione di valore. Il Credit management è, per definizione, una delle voci aziendali più incisive in termini di rischi e costi, e questo vale per l’intero ecosistema dei competitor, ma la sua innovazione può trasformare i potenziali svantaggi in opportunità. Quel che serve sono strumenti e soluzioni digital capaci di ridurre i rischi attraverso analisi incrociate di dati provenienti da diverse fonti e di garantire all’impresa una conseguente maggior disponibilità di risorse.

 

Innovare la gestione del credito attraverso l’uso dei dati

Ma in che modo, nel concreto, una virtualizzazione dei processi in senso digitale può aiutare ad efficientare la gestione del credito? Oggi il Credit management raggiunge i suoi massimi risultati solo se si fonda su un fattore chiave: la capacità di estrarre valore dai dati, anche e soprattutto in senso predittivo, in modo da guidare l’azienda verso decisioni operative basate su previsioni accurate e automatizzate. È la frontiera dell’Advanced Credit Management, la cui implementazione nel sistema gestionale aziendale arricchisce l’azienda di leve competitive cruciali per il successo del business.

Una seria innovazione degli strumenti di gestione del credito, attraverso un approccio data-driven, offre all’impresa possibilità fino a ieri impensabili di mitigazione del rischio.

Qualche esempio?

  • Generare valutazioni sul grado di affidabilità, analizzando i clienti sulla base degli indicatori relativi alla solvibilità ed i comportamenti degli stessi sul rispetto delle scadenze;
  • Clusterizzare i clienti sulla base del grado di affidabilità e tenere monitorato il loro comportamento, integrando i dati generati internamente con quelli provenienti da agenzie esterne di rating specializzate;
  • Ridurre il rischio di generazione di crediti di sofferenza.

La nuova frontiera di un mondo in evoluzione

La capacità di utilizzare dati in real time, estraendo insight di valore per la gestione del credito, rappresenta solo l’ultima frontiera del Credit management. Questa disciplina, infatti, da tempo mette sul campo soluzioni IT in grado di migliorare la situazione economico-finanziaria dell’azienda nel suo complesso, sbloccando risorse (e quindi liquidità) che erano sì disponibili, ma di fatto “arenate” nel capitale circolante.

Il concetto base è semplice: digitalizzare i processi di gestione dei crediti significa mettere l'azienda in condizioni di incassare a meno giorni, riducendo il suo DSO, e garantire al contempo più liquidità da utilizzare per investimenti, acquisizioni, riduzione dell’indebitamento.

L’unione del nuovo approccio data driven con soluzioni tecnologiche di Credit management consente quindi all’impresa di risolvere le criticità più diffuse del processo di gestione del credito:

  • Riduzione della manualità. La gestione del credito deve sempre più configurarsi come un’attività “industriale” e automatizzata che allontani i dipartimenti di credit management dalle mansioni di routine svolte in maniera prevalentemente manuale e con tempi non cadenzati.
  • Intercettazione rapida (o preventiva) delle posizioni di credito rischiose. La capacità attraverso strumenti tecnologici appositi di monitorare, individuare e tenere traccia dei clienti insolventi e intervenire sin da subito aiuta a ridurre i tempi di rientro e il DSO.
  • Assicurare una procedura centralizzata di controllo e monitoring del credito. Avere tutte le informazioni sui clienti sempre a disposizione riduce i tempi delle attività di recupero e facilita le rendicontazioni.
  • Snellimento e automatizzazione dei processi. L’innovazione digital consente di automatizzare le procedure, riducendo così i tempi di risoluzione e intervento davanti a potenziali o conclamate insolvenze.
  • Governance del credito. Gli strumenti digital riducono l’esposizione ai rischi grazie ad una piena ridefinizione del processo di Credit Management (dall’emissione della prima fattura fino al recupero del credito in fase stragiudiziale e legale), che viene così ridisegnato secondo modelli innovativi, conformati specificamente sulle esigenze del business.
  • Possibilità di disporre di uno strumento “collaborativo”, in grado di agevolare la comunicazione e il coinvolgimento di tutti gli attori interni ed esterni ai processi del Credit, per aumentare l'efficacia della credit policy dell'azienda e la distribuzione e condivisione di azioni e informazioni.

I vantaggi di un’efficiente gestione del credito

L’unione di tutti questi strumenti, in un quadro di piena innovazione della gestione del credito, consente di trasferire all’azienda vantaggi (riducendo conseguentemente i rischi) su più fronti:

  • Ambito commerciale: la possibilità di smobilizzare crediti non scaduti e spostare risorse finanziarie verso obiettivi inediti aiuta ad incrementare il volume d’affari dell’impresa.
  • Ambito finanziario: efficientare la gestione del credito riduce il fabbisogno finanziario dell’azienda e rende più rapida la circolazione del capitale d’esercizio.
  • Ambito gestionale: innovare, anche con un eventuale outsourcing, la contabilità e la riscossione dei pagamenti ottimizza i costi operativi aziendali.

Alla luce di tutto ciò appare evidente che l’esigenza di strutturarsi per gestire adeguatamente il credito ed il rischio ad esso correlato è sempre più pressante, al limite dell’imprescindibile, in una prospettiva di successo.

 

New call-to-action

 

Tags: Data Analytics


Articoli Correlati

Predictive analytics: come sfruttarli per la pianificazione strategica

read more

Smart factory: come funziona la fabbrica digitale e cosa la rende più competitiva

read more